Elenco blog personale

Elenco blog personale

giovedì 9 marzo 2017

Articolo e intervista a cura del giornalista/scrittore Maurizio Piccirillo


Articolo tratto dal quotidiano d'informazione on line Quasimezzogiorno.

Tra letteratura e arte, Fernanda Raineri

di Maurizio Piccirillo

Negli scorsi giorni, ho avuto il piacere di conoscere la poliedrica Fernanda Raineri. Nativa Di Massa Carrara, da anni si divide artisticamente tra la scrittura, la pittura e la grafica, senza dimenticare la sua esperienza anche nel campo della moda, riscuotendo un buon successo e ricevendo diversi prestigiosi riconoscimenti, in Italia e all’estero. Nel campo della scrittura ha pubblicato libri di poesia e numerose opere letterarie in altrettante antologie. Nell’ occasione  del nostro incontro le abbiamo rivolto alcune domande: Com’è nata in lei la passione per le arti? Posso dire che la passione l’ho avuta fin da piccola, mi è sempre piaciuto disegnare e scrivere poesie. Ero molto portata per il disegno e ricordo che alle scuole elementari alcuni miei componimenti, venivano letti, come esempio, anche nelle altre classi. Dei territori creativi che ha scoperto lungo la sua vita, qual è quello a cui si sente più legata?  “Più legata”, sicuramente al disegno, infatti è la prima passione artistica che ho ripreso a coltivare (nel 2003). Ho ripreso a scrivere nel 2007 pubblicando il mio primo libro nel 2008 e in seguito ho ripreso a scrivere poesie pubblicando un’antologia poetica nel 2012. Purtroppo, a causa degli impegni lavorativi e famigliari,  in questi ultimi anni non ho potuto dedicarmi a tutte le mie passioni artistiche e quindi mi sono dedicata quasi esclusivamente alla narrativa, scrivendo due libri, un’antologia di racconti,  ed ho in cantiere altre storie, mi piace molto inventare. Ha degli autori o degli artisti preferiti? Per quanto riguarda il genere “ragazzi” prediligo i classici, quindi Verne, Dickens, De Amicis, Collodi, Pamela L. Travers, Lewis Carroll,, Antoine De Saint-Exupéry, Louisa May Alcott. Per quanto riguarda altri generi prediligo i romanzi di Charlotte Brontë, Emily Brontë, Victor Ugo, Jane Austen e altri. Naturalmente ho letto anche libri di Roald Dahl e J. K. Rowling. Apprezzo anche opere di autori emergenti che ritengo molto validi, per citarne alcuni Luca Favaro e Lilla Carlotta Lorenzo. Per quanto riguarda gli artisti amo molto gli impressionisti e quindi Monet, Renoir, Van Gogh, Matisse, Wytsman. Lei è indubbiamente una sperimentatrice, ha qualche progetto nel cassetto?  Sì, in questo momento c’è la proposta di traduzione in cinese di uno dei miei libri, anzi non è più solo una proposta perché il procedimento di traduzione so che è già iniziato, quindi fra qualche mese dovrebbe essere lanciato sul grande mercato editoriale della Cina. L’altro mio progetto o forse è meglio dire “sogno” (molto difficile da realizzare) è la trasposizione cinematografica di uno dei miei libri. I miei due libri per ragazzi sono stati inviati a due Major stanunitensi grazie ad una persona che lavora nel settore, stiamo ancora aspettando una risposta.